lemiegite
:
  home   /  data per data   /  i monti   /  gli anni '60  /   le traversate   /   lo sci    

HOME PAGEGite Lago della Nasta e Cima di Nasta

www.escursioniliguria.it

10 agosto 2013 dal Pian della Casa (Cima di Nasta)
9 luglio 2012 dal Pian della Casa (Cima di Nasta)
17 agosto 2010 dal Pian della Casa (Cima di Nasta)
 8 agosto 2008 dal Pian della Casa (Cima di Nasta)
 2 agosto 2008 dal Pian della Casa (Lago della Nasta)
15 agosto 1996 dal Pian della Casa (Cima di Nasta)
17 giugno 1990 dal Pian della Casa (Lago della Nasta)
18 giugno 1989 dal Pian della Casa (Lago della Nasta)

10 agosto 2013 - CIMA DI NASTA dal Pian della Casa (Terme di Valdieri)

Chiara, Stefano

Oggi gita con Chiara che dopo più di sette mesi si è rimessa gli scarponi ai piedi. La giornata è eccezionale: cielo terso e aria frizzante al primo mattino. Con la Panda 4X4 saliamo comodamente fino al Pian della Casa del Re (mt. 1743) e posteggiamo poco sotto l’inizio del sentiero per il Rifugio Remondino.
Tranquilla salita nel Vallone di Assedras e in due ore di cammino siamo al Remondino (mt. 2430). Pur mancando d’allenamento Chiara non è affaticata: adesso si ferma qui a godersi il sole e al mio ritorno mangeremo nel rifugio.
A passo spedito raggiungo velocemente il Lago della Nasta (mt. 2800), ancora coperto di ghiaccio e neve, e da qui risalgo il canale detritico che sbuca al Colle della Forchetta (mt. 2950), sul crinale tra la Valle Gesso della Valletta e la Valle della Rovina.
Dal colle inizia il tratto leggermente più impegnativo (difficoltà F) costituito da una cengetta un po’ esposta e da un facile canalino ben incassato.
In vetta splendido panorama a 360 gradi; in basso, minuscolo, il Remondino.
Breve sosta per scattare le foto e poi discesa a passo veloce per non fare aspettare troppo Chiara.
Nel rifugio mangiamo polenta con salsiccia e formaggio e torta al cioccolato: i nostri stomaci non allenati lavoreranno alacremente lungo tutta la discesa verso il Pian della Casa. Comunque, al nostro ritorno alla macchina, la digestione è pressoché completata.
Per bellezza del paesaggio e relativa facilità di accesso, la salita alla Cima di Nasta è sicuramente una tra le più remunerative di tutte le Alpi Marittime.


9 luglio 2012 - CIMA DI NASTA dal Pian della Casa (Terme di Valdieri)

Stefano e Chiara

Ancora una gita in Valle Gesso in una giornata splendida e gradevolmente ventilata: meta dell'escursione la bellissima Cima di Nasta, forse la più bella montagna di tutte le Alpi Marittime.
Oggi abbiamo usato la Panda 4x4 di Chiara e così siamo saliti comodamente in auto fino al Pian della Casa del Re. Alle 8.50 ci siamo messi in cammino e in due ore esatte abbiamo raggiunto il Rifugio Remodino.
Al rifugio Chiara si è fermata. Io ho alleggerito un po' lo zaino e ho proseguito di buona lena verso il Lago della Nasta. Per non farla aspettare troppo a lungo sono salito velocissimo al Colle della Forchetta da dove si gode un panorama mozzafiato sul grande invaso artificiale del Chiotas.
Alle 11.50 sono giunto in vetta. La Nasta in realtà si compone di due cime vicinissime tra loro: la Cima Est (3106 mt) e la Cima Centrale (3108 mt).
Laggiù in fondo nel Vallone di Assedras mi appare, piccolissimo, il Rifugio Remondino. Il panorama è grandioso, com'è naturale che sia da questo angusto balcone nel cuore delle Marittime.
Di ritorno al Colle della Forchetta incontro due escursionisti che hanno appena iniziato l'ultimo tratto di salita (tra il Colle della Forchetta e la Nasta si risalgono alcuni canalini intervallati da brevi cenge con qualche passaggio esposto di I grado).
Il pittoresco e cristallino Lago della Nasta è quasi del tutto sgelato: due anni fa, al 17 di agosto, era ancora completamente coperto di ghiaccio e neve.
Alle 12.50 sono tornato da Chiara e dopo un buon pranzo al rifugio abbiamo iniziato la discesa verso il Pian della Casa accompagnati dagli sguardi curiosi e per nulla intimoriti degli stambecchi.
Un gradevole venticello, tiepido e asciutto, ci ha rintemprato al termine della discesa. La Valle Gesso della Valletta è tutta un'esplosione di colori.
Alle 15.40 siamo arrivati alla macchina contenti e soddisfatti per questa bella gita.


17 agosto 2010 - CIMA DI NASTA dal Pian della Casa (Terme di Valdieri)

Stefano

Dopo due anni sono tornato su questa bella montagna in una splendida giornata di sole.
Ho lasciato la macchina al Gias delle Mosche (per non fare il tratto di strada sconnesso) e mi sono incamminato velocemente verso il Pian della Casa.
Dopo pochi minuti si è fermata un’auto ed un signore gentilissimo mi ha dato un passaggio. Di conseguenza sono partito dal Pian della Casa del Re alle 7.45.
Veloce salita nel Vallone di Assedras ancora in ombra.
Alle 9 sono arrivato al Remondino e alle 9.40 ho raggiunto il Lago della Nasta.
Dopodichè sono salito al Colle della Forchetta dove ho lasciato lo zaino per essere più leggero nell’ultimo tratto un po’ più impegnativo.
Alle 10.20 sono giunto in vetta. La vetta in realtà si compone di due cime vicinissime tra loro: la Cima Est (3106 mt) e la Cima Centrale (3108 mt).
Il panorama è grandioso, com’è naturale che sia da questo angusto balcone nel cuore delle Marittime.
La discesa l’ho fatta tutta d’un fiato e alle 12.30 sono arrivato al Pian della Casa.
Ancora 20 minuti di cammino e finalmente ho raggiunto la macchina.
Durante la gita ho visto un buon numero di stambecchi per nulla timorosi della mia presenza.



Cliccare per le immagini

2 agosto 2008 - LAGO DELLA NASTA dal Pian della Casa (Terme di Valdieri)

Stefano e Chiara

Tempo splendido. Tre ore di salita per arrivare al lago. Parecchi iceberg galleggianti sul lago. Peccato non aver avuto la macchina fotografica!


Cliccare pr l'audio

Cliccare per l'audio

Cliccare per le immagini

lemiegite :   home   /  data per data   /  i monti   /  gli anni '60  /   le traversate   /   lo sci